Menu

Vines

Search vine

Questo nome viene usato molto in Italia. La malvasia nelle sue varie varietà, a bacca bianca e rossa, secca e dolce, è diffusa in tutta Italia. La Malvasia Bianca di Chianti è coltivata in Toscana, ma è anche diffusa in Lazio ed Umbria, si presta molto alla produzione del Vin Santo. In Piemonte è presente presso Asti, è produce una Malvasia dolce di colore scuro. Nel Friuli si produce il miglior bianco italiano monovitigno a base di Malvasia. In Emilia da vita ad una Malvasia lievemente frizzante. Malvasia bianca dolce la si trova a Lipari (Sicilia), Basilicata e in Sardegna. La Malvasia Nera a buccia scura è, invece, diffusa in Alto Adige.
Varietà profumata a bacca rossa diffusa nell’Italia centrale. Da vita a dei vini leggeri con aromi di violetta o mammola
Varietà a bacca rossa a maturazione tardiva coltivata in Trentino e Lombardia. Da vita a vini lievemente frizzanti.
Vitigno a bacca rossa. Insieme al Cabernet Sauvignon e Franc il Merlot costituisce il terzo ingrediente della ricetta “bordolese”. In Italia è coltivata in 14 delle 20 regioni.
Vedi Merlot
Vitigno a bacca rossa molto diffuso in Sardegna, di origine incerta. Viene vinificato da solo per ottenere la DOC Monica di Sardegna, oppure con altre uve come il Cannonau ed il Bovale Sardo, per ottenere la DOC Mandrolisai.
Varietà a bacca rossa di origine toscana molto diffusa in Italia, soprattutto in Abruzzo, Marche, Molise, ma anche in Puglia ed altre regioni. I vini prodotti con queste uve hanno un colore rosso rubino molto intenso, dai profumi fruttati e di sottobosco, con notevoli potenzialità di invecchiamento. Raggiunge la sua massima espressione nel Montepulciano d’Abruzzo e nel Rosso Conero. E’ noto anche come Cordisco, Morellone, Primaticcio, oppure Uva Abruzzi.
Vedi Sangiovese
Vedi Montepulciano.
Uva a bacca bianca. Questa varietà è una variazione del Moscato Bianco diffusa solamente nella zona di Montalcino. I vini ottenuti con questa uva sono dolci e frizzanti.
Sotto questo nome si raccolgono molte varietà aromatiche a bacca bianca. In Italia è detto anche Moscato di Canelli. Da origine alla’Asti e al Moscato d’Asti. In Alto Adige sono coltivati il Moscato Giallo e Rosa. Nel sud d’Italia è molto diffuso il Moscato d’Alessandria (Zibibbo).
Varietà a bacca bianca di origine tedesca. I vini che si ottengono con questo vitigno, tranne in alcuni casi, sono gradevoli ma poco eccitanti. In Italia è diffuso in Alto Adige, Friuli e Emilia Romagna.